Aumento del mercato di caffè in Corea del Sud nel 2017

Home / Uncategorized / Aumento del mercato di caffè in Corea del Sud nel 2017

Dalle ultime statistiche risulta che il consumo di caffè in Corea del Sud è decisamente aumentato: si pensi che sono state calcolate circa 512 tazze a persona durante tutto l’anno appena trascorso.

Il KCS, ovvero il Servizio Doganale Coreano, ha creato e pubblicato una stima dell’andamento del mercato della Corea del Sud durante gli ultimi dieci anni. Questa pubblicazione mette in mostra come il commercio di caffè e quindi mercato sia triplicato dal 2007 ad oggi.

Se decidessimo di tradurre questa stima in tazze potremmo calcolare una media di 26,5 miliardi di tazze di caffè servite nei caffè coreani, e una media a persona di 512 tazze. Difatti, questa statistica farebbe schizzare la Corea del Sud come uno degli Stati che consuma più caffè al mondo.

Vi è una suddivisione per classificare il consumo eseguita dagli enti autorizzati:

  • Classico: oltre 13 miliardi di tazze
  • Torrefatto Fresco: 4.8 miliardi di tazze
  • In scatola e varie bevande al gusto di caffè: 8.7 milioni di tazze

Paradossalmente mentre il consumo di aumenta e le persone ordinano e bevono più tazze al giorno all’interno di bar e ristoranti, il prezzo del prodotto è aumentato. I clienti sono comunque disposti a consumare bevande nonostante il prezzo stia aumentando.

Diamo un occhio ai prezzi per meglio comprendere il fenomeno del consumo del caffè e per poterlo analizzare più nel dettaglio con focus su alcuni aspetti.

  • Ragioniamo con la moneta locale. Il prezzo medio per una tazza di caffè tostato fresco si è attestato a 1.636 Won. Il mercato sud coreano ha raggiunto i 7.85 trilioni di Won nel corso dello scorso anno, mentre nel 2007 si è attestato a soli 900 miliardi di Won.
  • Il gusto dei coreani per il caffè sta cambiando in proporzione al proprio reddito; quindi il mercato legato a questo prodotto sta lentamente raggiungendo il punto di saturazione. Questa situazione sta mettendo sotto pressione i marchi delle varie catene di vendita e costringendole a modificare le proprie strategie di marketing.
  • Difatti in passato, il mercato interno della Corea era dominato da miscele di e caffè istantaneo. Ma, come già detto, il consumo si sta modificando e per questa ragione catene come Starbucks e Coffee Bean & Tea Leaf hanno cominciato ad aprire negozi negli anni 2000 continuando tutt’ora a riscontrare un importate successo.

Il cambiamento del consumo di caffè si sta modificando drasticamente in Corea di Sud!

Oltre alla crescita di grandi catene, le tendenze locali stanno portando ad un numero maggiore di negozi. Questi privati non solo vendono ma provvedono autonomamente alla produzione, infatti gestiscono le proprie macchine per la torrefazione e diventano sempre più sofisticati per soddisfare le esigenze diversificate dei consumatori.

Quindi un drastico cambiamento nel consumo di caffè, ecco cosa sostiene un analista della Corea Investment & Securities. “Con il miglioramento dello standard di vita, i consumatori tendono a preferire un prodotto più esclusivo, e questa bevanda non fa eccezione”. Continua dicendo “Che si tratti di una grande catena o di una marca indipendente, la qualità è la chiave del successo. Così come le grandi catene, innumerevoli, piccoli negozi di caffè piccoli sono sparsi per tutto il paese. È facile che alcuni di questi falliscano se non riescono a seguire questo cambiamento di tendenza, senza perdere d’occhio il fattore prezzo. La Corea non è un grande acquirente nel mercato globale, ma le dimensioni del mercato ed il valore delle importazioni sono in rapida crescita”.